Napoli. «Viagra? No grazie. Contro l’impotenza usate l’aglio»

Da oltre venticinque anni studia le proprietà benefiche di una delle piante più diffuse dall’epoca degli antichi egizi. I Faraoni – come testimoniano gli scritti di Erodoto (490 avanti Cristo) – ne ammannivano il frutto agli schiavi impegnati nella costruzione delle piramidi per irrobustirli. Oggi dell’aglio si sa tutto. O quasi.

Giuseppe Grimaldi_il mattino di napoli

E’ tutta «made in Naples» l’ultima ricerca naturalistica contro i problemi legati all’impotenza. Sulle proprietà afrodisiache dell’aglio ha compiuto studi e approfondimenti per oltre un quarto di secolo Antonio De Toma, che dopo aver girato il mondo alla ricerca di varietà e piante rare sta per dare alle stampe un libro interamente dedicato all’aglio. Napoletano, 75 anni 50 dei quali dedicati allo studio dei prodotti naturali (frutta e verdura), Antonio De Toma fu «scoperto» da Maurizio Costanzo, che nel 2005 lo invitò sul palco del Teatro Parioli, nel suo salotto, proprio per parlare di aglio.

Oggi De Toma rivendica la paternità degli studi sulle proprietà del prezioso bulbo. «La Bbc e gli inglesi – dice riferendosi ad alcuni documentari trasmessi in tutta Europa – hanno scoperto l’acqua calda. Io sono stato il primo, e lo rivendico, ad affermare le proprietà afrodisiache dell’aglio. Basta assumere uno spicchio, o due, per almeno un mese e 12-24 ore prima di avere un rapporto sessuale. Altro che Viagra…».

De Toma tranquillizza anche chi storce il naso, contestando il fatto che uno spicchio d’aglio ingerito oralmente determinerebbe inevitabili problemi di alitosi con il partner. «Gli effetti benefici sulle prestazioni sessuali maschili – spiega – si hanno assumendo l’aglio per via anale. Proprio come con una supposta».

Nel corso della sua esperienza negli Stati Uniti e in Francia De Toma – che nella vita faceva tutt’altro (era agente di commercio per alcune note aziende alimentari del Nord) ha continuato a frequentare le lezioni di numerosi ricercatori californiani e texani. E oggi, mentre cura gli ultimi dettagli del suo volume nel quale vengono illustare le proprietà benefiche di oltre 200 tra piante, ortaggi e verdure, insiste su un punto: «Contro l’impotenza, usate l’aglio. Io, a 75 anni, mi trovo benissimo».

fonte: Giuseppe Grimaldi; il mattino di Napoli (http://www.ilmattino.it); articolo del 28 luglio 2014.