L’abbacchio al forno di Pasqua

Un abbacchio alla romana fatto a regola d’arte (un prodotto che gode della denominazione igp) è una specialità che segue tradizioni antiche e stagionalità (pecore allevate allo stato brado, che brucano nei pascoli aperti del Lazio).

abbacchio%20al%20forno%20corriere%20IMG_7031-kVxH-U43070573876842EgD-620x385@Cucina-Web
Ecco una delle versioni più semplici di questo piatto, perfetto per il pranzo di Pasqua.
Alcuni aggiungono foglie di salvia, altri aceto di vino bianco (oltre al vino bianco). Comunque è sempre servito con patate che doreranno assorbendo tutti gli umori dell’agnello e della marinatura – probabilmente le patate più saporite che possiate assaggiare.

INGREDIENTI
PER quattro persone PERSONE

  • 1 chilo di coscia di agnello con l’osso
  • un mazzo di rosmarino fresco
  • 2 spicchi di aglio schiacciati
  • olio extra vergine d’oliva
  • 5-6 patate
  • un bicchiere di vino bianco secco
  • sale
  • pepe

DIFFICOLTÀ: media

Praticate dei tagli profondi nella coscia (come se doveste tagliarla a fette) e dei buchi di circa 2 cm. Massaggiate l’aglio schiacciato, il rosmarino e una buona quantità di olio d’oliva sulla superficie, riempiendo bene i buchi e i tagli. Lasciate riposare la carne mentre preparate le patate. Lavare, pelare e tagliare le patate in grossi pezzi. Mettetele sul fondo di una teglia grande, salare, pepare e cospargete bene di olio mettendo un altro po’ di rosmarino. Posizionare la coscia al centro della teglia, circondata dalle patate. Cuocere in forno a 180º C per un’ora, o fino a quando la temperatura interna non raggiungerà 65-70ºC. A metà cottura versare un bicchiere di vino bianco e girare le patate. A cottura ultimata lasciare riposare l’agnello coperto di alluminio: nel frattempo, potete rimettere le patate in forno 10/15 minuti per renderle più croccanti. Servire a fette spesse con le patate e un cucchiaio del fondo di cottura.

fonte: di Emiko Davies – Corriere della sera / ricette