Bibliografia

Bibliografia e fonti principali

 

Innanzitutto va precisato che la bibliografia viene continuamente aggiornata, in relazione all’aggiunta di articoli e di news. Di seguito l’elenco:

  • Alcune definizioni tratte dal sito wikipedia
  • Catia Dini(a), Alessia Fabbri(b) and Andrea Geraci(b)   Ann Ist Super Sanità 2011

(a) Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo, Ministero degli Affari Esteri, Rome, Italy

(b) Dipartimento del Farmaco, Istituto Superiore di Sanità, Rome, Italy

Titolo: The potential role of garlic (Allium sativum) against the multi-drug resistant tuberculosis pandemic: a review

  • Harunobu Amagase,2 Brenda L. Petesch, Hiromichi Matsuura,* Shigeo Kasuga* – novembre 1998

Dipartimento di Ricerca e Sviluppo, Wakunaga of America Company, Mission Viejo, Ca 92691 e

*Institute for OTC Research, Wakunaga Pharmaceutical Company, Hiroshima 739-11, Giappone

Titolo: Progressi recenti sugli effetti nutrizionali della supplementazione con aglio. L’assunzione di aglio e i suoi componenti bioattivi;

  • Facoltà di farmacia – master di II livello in fitoterapia, Università degli studi di Siena.

Relatori: Dott.ssa Luigina Troiano, Prof.ssa Daniela Giachetti

Titolo: Attività anti-Helicobacter pylori di Allium sativum L

  • Titolo: “Donne: l’aglio non guarisce dalla candidosi”

British Journal of Obstetrics and Gynaecology

  • Cancer Epidemiology Biomarkers and Prevention;14:2531-2535, 2005.

Titolo: “Fruit and vegetable consumption and risk of epithelial ovarian cancer: the European Prospective Investigation into Cancer and nutrition”.

Schulz M, Lahmann PH, Boeing H, Hoffmann K, Allen N, Key TJ, Bingham S, Wirfalt E, Berglund G, Lundin E, Hallmans G, Lukanova A, Martinez Garcia C, Gonzalez CA, Tormo MJ, Quiros JR, Ardanaz E, Larranaga N, Lund E, Gram IT, Skeie G, Peeters PH, van Gils CH, Bueno-de-Mesquita HB, Buchner FL, Pasanisi P, Galasso R, Palli D, Tumino R, Vineis P, Trichopoulou A, Kalapothaki V, Trichopoulos D, Chang-Claude J, Linseisen J, Boutron-Ruault MC, Touillaud M, Clavel-Chapelon F, Olsen A, Tjonneland A, Overvad K, Tetsche M, Jenab M, Norat T, Kaaks R, Riboli E.

  • Titolo: “PRODUCTION OF VIRUS-FREE MICROPROPAGATED GARLIC”

Bertaccini A.*, Botti S.*, Dradi G.**, Fogher C.***, Tabanelli D.*, Guadagnini M.*, Previati A.****

* DiSTA, Patologia vegetale, Università degli Studi, via F. Re 8, 40126 Bologna

** Azienda Agricola Vivai Battistini, Martorano, Forlì-Cesena

*** Università Cattolica S. Cuore, Via E. Parmense 84, 29100 Piacenza

**** Centro Po di Tramontana-Veneto Agricoltura, 45010 Rosolina, Rovigo

  • Aqel MB, Gharaibah MN, Salhab AS. (1991) “Effetti rilassante diretto del succo di aglio su muscoli lisci e cardiaci”. Journal of Etnofarmacologia, 33:13-19.
  • Titolo: “Micro-incapsulamento di oli di foglia di cannella e di aglio in β-ciclodestrina”

Fonte: J.F. Ayala-Zavala et al., Journal of Inclusion Phenomena and Macrocyclic Chemistry, 60, 2008, 359-368

  • Università degli studi della Tuscia – Viterbo

Dottorato di ricerca in Ortoflorofrutticoltura – 2011

Parrano, Leonardo

Titolo: “Aspetti agronomici, morfo-fisiologici, virologici e caratterizzazione molecolare di cultivar ed ecotipi di aglio (Allium sativum L.) coltivati nel Lazio”

  • Anna Pia De Luca: aglio, la pianta più eloquente, con la grazia di un giglio»: odori e sapori nella letteratura etnica canadese
    • April 9–11, 2005 at Georgetown University, Washington

Titolo: Significance of Garlic and Its Constituents in Cancer and Cardiovascular Disease

Titolo: Garlic Reduces Dementia and Heart-Disease Risk 1,2

Carmia Borek3

Department of Public Health and Family Medicine, Tufts University School of Medicine,

Boston, MA 02111

  • May 2007

Does Garlic Reduce Risk of Colorectal Cancer? A Systematic Review 1–3

Suong N. T. Ngo,4,7* Desmond B. Williams, 4 Lynne Cobiac, 5 and Richard J. Head 6

4 Sansom Institute, School of Pharmacy and Medical Sciences, University of South Australia, Adelaide, 5000 Australia; 5 Department of Nutrition and Dietetics, Flinders University, Adelaide, 5001 Australia; 6 Preventative Health National Research Flagship CSIRO, Adelaide, 5000 Australia; and 7 School of Science and Primary Industries, Charles Darwin University, Casuarina Campus, Darwin, 0909 Australia

  • Chutani SK, Bordia A. (1981) “L’effetto di fritto contro aglio crudo sulle attività fibrinolitica nell’uomo”. Aterosclerosi, 38:417-421.
  • Ahmed, N. et al. (2001) Anticancer Research 5:.
  • Al-Naghdy, SA, Abdel-Rahman, MO e Heiba ​​HI. (1988) “Prove per alcune prostaglandine in estratti di Allium sativum”. Fitoterapia di ricerca 2 (4) :196-197.
  • Relatori: Dini Catia, Fabbri Alessia e  Geraci Andrea.

Titolo: Il ruolo potenziale dell’aglio, Allium sativum, nella tubercolosi farmaco-resistente: una         rassegna. Ann. Ist. Super. Sanità [online]. Anno 2011

  • Ringraziamento particolare e Marco Valussi e Luciano Posani di infoerbe
  • Steiner, M, Khan, AH, Holbert D, et al (1996) “Un doppio cieco, cross-over negli uomini moderatamente ipercolesterolemici che hanno confrontato l’effetto di estratto di aglio invecchiato e somministrazione di placebo sui lipidi del sangue”, Am J Clin Nutr, 64:866-70
  • Abdullah, TH, O. Kandil, A. Elkadi, e J. Carter. (1988) “rivisitato Aglio: Terapeutico per le principali malattie del nostro tempo” Journal of National Medical Association 80 (4) :439-445.
  • Abdullah, TH, Kirkpatrick, DV e Carter J. (1989) “Valorizzazione delle attività delle cellule Natural Killer in AIDS con aglio”. Deutsch Zeishrift pelliccia Onkologie 21: 52-53.
  • Agarwal KC. (1996) “azioni terapeutiche di componenti di aglio”.Recensioni di ricerca medica,, 16:111-124.
  • Kiesewetter H et al. (1993) “Effetto di aglio sull’aggregazione piastrinica in pazienti con aumentato rischio di attacco ischemico giovanile.” Rivista europea di farmacologia clinica, 45:333-336.
  • Augusti, KT, Matthew, PT (1975) Experientia 31: 148-149 [..]
  • Beck H, Wagnerk G. (1994) “L’inibizione della biosintesi del colesterolo da parte allicina e ajoene negli epatociti di ratto e cellule Hep62”. Biochimica Biophysica acta, 1213:57-62.
  • Bethold HK, Sudhop T, von Bergmann K. (1998), “Effetto di una preparazione aglio olio sulle lipoproteine ​​sieriche e il metabolismo del colesterolo: uno studio randomizzato controllato”. JAMA, 279: 1900.
  • Lee, KT et al. (2001) Archives of Pharmaceutical Research 24: 44-50.
  • Bianchi A, Adamoli R, Durante A, Saibene A (1997) Piante Medicinali e AIDS: Piante antivirali e immunomodulanti utilizzate nell’infezione da HIV e Malattie Nelle correlare Milano, Tecniche Nuove pp 261-272
  • Blocco E. (1985), “La chimica di aglio e cipolle”. Scientific American, 252:94-99.
  • Block, E., Ahmad, S. Jain MK, Crecely, RW Apitz-Castro, R. e Rosa MR (1984). J. Am. Chem. Soc. 106:.
  • Boik J (2001) Composti naturali nella terapia del cancro. Oregon Medical Press
  • Bordia A et al. (1977) “Effetto di olio essenziale di aglio su attività fibrinolitica sierico nei pazienti con malattia coronarica”. Aterosclerosi, 26:379-386.
  • Bordia A. (1986) “Klinische Untersuchung zur Wirksamkeit von Knoblauch”.Apotheken-Magazin, 6:128-131.
  • Brosche T, Platt D. (1990) “L’aglio come un abbassamento dei lipidi droga phytogenic: una revisione di studi clinici con standardizzato preparato di aglio in polvere”. Fortschritte der Medizin, 108:703-706.
  • McMahon FG, Vargas R. (1993) “Può aglio pressione sanguigna più bassa?Uno studio pilota. “Farmacoterapia 13 (4) :406-7
  • Monti L, Longo R (2001) “L’Aglio, Una vecchia Nuova pianta Medicinale” Acta Phytoterapeutica, Vol. IV, n. 1:15-28
  • Breithaupt-Grögler K, Ling M, Boudoulais H et al (1997) “Effetto protettivo dell’assunzione aglio cronica sulle proprietà elastiche dell’aorta nell’anziano” Circulation, 96:
  • Joshi, DJ, Dikshit RK, e Mansuri SM. (1987) “azioni gastrointestinali di olio di aglio. Fitoterapia di ricerca 1 (3) :140-141.
  • Brosche T, Platt D. (1991), “Garlic”. Rivista medica britannica, 303, 785
  • Damrau F, Ferguson EA. (1949) “Il modus operandi di carminativi”.Rassegna di gastroenterologia 16:411-419.
  • Kiesewetter H, F Jung, Jung EM, Blume J, Mrowietz C, Birk A, Koscielny J, Wenzel E, (1993) “Effetti di compresse rivestite aglio in malattia arteriosa periferica occlusiva.” Clin Investig; 71 (5): 383 – 6
  • Das Io, Khan NS, Sooranna SR. (1995) “nitrico sintetasi dell’ossido di attivazione è un meccanismo d’azione unico aglio”. Operazioni Biochemical Society, 23: S136.
  • DeCandolle, A. (1908). L’origine delle piante coltivate. New York
  • Elwood PC, Beswick dC, O’Brien JR, Yarnell JW, Layzell JC, Arto ES. (1993) “inter-relazioni tra test emostatici e gli effetti di alcuni fattori determinanti dietetici nella coorte Caerphilly di uomini più anziani.” Il sangue Coagul fibrinolisi, 4 (4) :529-36
  • Ernst, E. (1987), “Effetti cardiovascolari di aglio (Allium sativum): una revisione”. Pharmatherapeutica. 5 (2): 83-89.
  • Fleischauer AT, Poole C, arabo L (2000) “consumo di aglio e prevenzione del cancro: meta-analisi di colon-retto e dello stomaco cancro” Am J Clin Nutr, 72:
  • Kato, Yoshio. (1973) Aglio, La sconosciuta Miracle Worker. Amagasakici, Giappone: Oyama aglio Laboratory.
  • Block, E. (1986) “agente Antithrombic di aglio: A lezione da 5000 anni di medicina popolare”. In: RP Steiner, ed. Medicina popolare: L’Arte e la Scienza. American Chemical Society, Washington, DC, pp 125-138.
  • Burfield T (2000) Materiali naturali aromatiche – Odori e origini. L’Istituto Atlantico di Aromaterapia
  • Gadkari, JV, Joshi, VD (1991) J Postgrad Med 37: 128-131.
  • Gaffen JD, Tavares IA, Bennett A. (1984) “L’effetto di estratti di aglio sulle contrazioni del ratto fondo gastrico e l’aggregazione piastrinica umana.” Giornale di farmacia e farmacologia, 36:272-274.
  • Gebhardt R, Beck H, Wagner KG. (1994) “L’inibizione della biosintesi del colesterolo da parte allicina e ajoene negli epatociti di ratto e cellule HepG2.” Biochimica Biophysica acta, 1213:57-62.
  • Gruenwald J, Brendler T, Jaenicke C et al, eds. (1998) PDR per Herbal Medicines. Montvale, NJ: Medical Economics Company.
  • Grünwald J. (1992) “Knoblauch: Cholesterinsenkende Wirkung doppelblind nachgewiesen.” Deutsche Apotheker Zeitung, 132:1356.
  • Gebhardt R. (1993) “molteplici effetti inibitori di estratti di aglio sulla biosintesi del colesterolo in epatociti.” Lipidi, 28 (7) :613-9
  • Kiesewetter H, Jung F. (1991) “Beeinflusst Knoblauch muoiono Atherosklerose?” Medizinische Welt, 42:21-23.
  • Gebhardt R. (1995) “Amplificazione di inibizione palmitato indotta della biosintesi del colesterolo negli epatociti di ratto coltivate da composti organosulfur aglio-derivati”. Fitomedicina,, 2:29-34.
  • Jung H, Kiesewetter H. (1991) “Einfluss einer Fettbelastung auf Plasmalipide und kapillare Hautdurchblutung unter Knoblauch.” Medizinische Welt, 42:14-17.
  • Harenberg J, Giese C, Zimmermann R. (1988) “Effetti di aglio secco sulla coagulazione del sangue, la fibrinolisi, l’aggregazione piastrinica, ed i livelli sierici di colesterolo nei pazienti con hyperlipoproteinemia.” Aterosclerosi, 74:247-249.
  • Harper, D. (1997) Primo Chinese Medical Literature: I manoscritti medici Mawguandi. Kegan Paul International.
  • Kendler, BS (1987) “Aglio (Allium sativum) e cipolla (Allium cepa): una revisione del loro rapporto con le malattie cardiovascolari.” Medicina Preventiva 16:670-85.
  • Kiesewetter H, Jung F, G Pindur, Jung EM, Mrowietz C, Wenzel E (1991), “Effetto di aglio sulla aggregazione piastrinica, la microcircolazione, e altri fattori di rischio.” Int J Clin Pharmacol Ther Toxicol; 29 (4): 151 – 5
  • Kleijnen, J., Knipschild P. e Terriet G. (1989) “Aglio, cipolle e fattori di rischio cardiovascolare. Una revisione delle prove da esperimenti umani con particolare attenzione sui preparativi disponibili in commercio. Brit. J. Clin.Pharmac. 28: 535-544.
  • Koch HP, Lawson LD, eds. (1996) aglio, la scienza e l’applicazione terapeutica di Allium sativum l. e specie affini. Baltimore, Williams e Wilkins.
  • Lawson LD (1996) “La composizione e la chimica di spicchi d’aglio e aglio trasformati” in HP Koch e LD Lawson Garlic – La scienza e le applicazioni terapeutiche di Allium sativum L. e specie affini 2a edizione. Williams e Wilkins, Baltimora, Stati Uniti d’America
  • Leung AY e Foster S (1999) Enciclopedia delle Piante Medicinali. Roma, Aporie, pp 16-19
  • Manniche, Lise. (1989) L’Antico Egitto a base di erbe. Austin, in Texas University of Texas Press.
  • Isaacsohn JL, Moser M, Stein EA et al. (1998) “polvere di aglio e lipidi plasmatici e lipoproteine: uno studio multicentrico, randomizzato, controllato con placebo”. Arch Intern Med, 158:.
  • Singh, KV e NP Shukla. (1984) “Attività di più batteri resistenti di aglio (Allium sativum) estratto”. Fitoterapia 55 (5) :313-15.
  • Jamaluddin MP, Krishnan LK, Thomas A. (1988) “ajoene inibizione dell’aggregazione piastrinica: mediazione possibile da un emoproteina.” Comunicazioni di ricerca biochimici e biofisici, 153:479-486.
  • Jones, WHS (1964) Plinio Storia Naturale in dieci volumi. Vol. VI. La Biblioteca Classica Loeb. Cambridge, Mass.: Harvard University Press.
  • Mabberly, DJ (1987) Il libro Plant. New York: Cambridge University Press.
  • Reuter, HD (1995) “Allium sativum ed Allium ursinum: Part 2. Farmacologia e applicazioni medicinali “. Fitomedicina 2 (1): 73-91.
  • Mader FH. (1990) “Il trattamento di iperlipidemia con compresse di aglio in polvere. Prove da l’Associazione tedesca di multicentrico, controllato con placebo, in doppio cieco di General Practitioner “Arzneimittel-Forschung, 40.:.
  • Murray, MT (1995) Il potere curativo delle erbe. Prima Publ. pp 121-131
  • McCrindle BW, Helden E, Conner WT. (1999) “terapia Aglio estratto in bambini con ipercolesterolemia.” Arch Pediatr Adolesc Med; 152:.
  • Neil HA, Silagy CA, Lancaster T, Hodgeman J, K Vos, Moore JW, Jones L, Cahill J, Fowler GH. (1996) “polvere di aglio per il trattamento di moderata iperlipidemia:. Un trial controllato e meta-analisi” J Reale Coll Phys Londra, 30 (4): 329-334.
  • Nishimura, H. et al. (2000) Biofactors 13: 257-63.
  • Platt D, Brosche T, Jacob BG. (1992) “Cholesterin-senkende Wirkung von Knoblauch?” Deutsche Medizinische Wochenschrift, 117:962-963.
  • Lawson LD (1998), “Effetto di aglio sui lipidi del siero”. J Am Med Assoc, 280:1568
  • Rashid A, Hussain M, Khan HH. (1986) “Bioassay per l’attività prostaglandina-come estratto di aglio utilizzando isolato striscia di fondo topo e nel ratto preparazione del colon.” Journal of Pakistan Medical Association, 36:138-141.
  • Reuter, HD, Koch, HP, Lawson, LD (1996) In Koch, HP, Lawson, LD Eds: Aglio: Scienza e terapeutico applicazione di Allium sativum L. e specie affini;. Williams & Wilkins: Baltimore, pp 135-212.
  • Rose, KD, et al. (1990) Neurochirurgia 26: 880-882.
  • Lawson LD et al. (1991) “Analisi HPLC di allicina e altre thiosulfinates in aglio omogenati chiodi di garofano.” Planta medica, 57:263-270
  • Rosen, RT et al. (2000) Biofactors 13: 241-9.
  • Rotzsch W, Richter V, Rassoul F, Walper A. (1992) “lipemia postprandiale in trattamento con Allium sativum. Studio controllato in doppio cieco di soggetti con ridotta HDL2-colesterolo “. Arzneimittelforschung 42 (10) :1223-7
  • Sendl A. (1995) “Allium sativum ed Allium ursinum, parte 1. Chimica, l’analisi, la storia, la botanica “. Fitomedicina,, 4:323-339.
  • Sitprija S et al. (1987) “Aglio e diabete mellito di fase II di sperimentazione clinica.” Journal of Medical Association della Thailandia, 70:223-227.
  • Mathew PT, Augusti KT. (1973) “Gli studi sugli effetti di allicina (diallile disolfuro-ossido) su allossana diabete. Parte I. azione ipoglicemico e valorizzazione dell’effetto livelli sierici di insulina e la sintesi del glicogeno. “Giornale indiano di biochimica e biofisica, 10:209-221.
  • Sendl, A. et al. (1992) Planta Medica 58: 8-13.
  • Siegel G et al. (1991) “attivazione del canale del potassio, iperpolarizzazione, e relax vascolare.” Zeitschrift für Kardiologie, 80:9-24.
  • Sunter, WH (1991) Pharm J. 246: 722.
  • Siegel G et al. (1992) “attivazione dei canali di potassio nel muscolo liscio vascolare.” In: Frank GB, ed. Accoppiamento eccitazione-contrazione nel muscolo scheletrico, cardiaco e liscio. New York, Plenum Press :53-72.
  • Silagy C, Neil A. (1994) “L’aglio come ipolipemizzante agente una meta-analisi.” JR Coll Medici Lond, 28 (1) :39-45
  • Silagy CA, Neil HA. (1994) “Una meta-analisi degli effetti dell’aglio sulla pressione sanguigna.” J Hypertens, 12 (4) :463-8
  • Lupo S, Reim M. (1990) “Effetto di aglio sui vasi congiuntivali: a., Placebocontrolled, in doppio cieco randomizzato” rivista britannica di pratica clinica, 44:36-39.
  • Srivastava KC, Tyagi OD. (1993) “Effetti di un committente aglio-derivato (ajoene) su aggregazione e metabolismo dell’acido arachidonico nelle piastrine del sangue umano”. Prostaglandine, leucotrieni, e acidi grassi essenziali, 49:587-595.
  • Moriguchi, T e Saito, H (2000) “invecchiata estratto di aglio come neurotrofico e anti-invecchiamento ageny” Piante Medicinali 3 (1) :114-128
  • Wren RC (rivisto da Williamson et Evans) (1988) di Potter New Cyclopedia di farmaci e preparati botanici. Saffron Walden, CW Daniels pp 124-125
  • Stevens, PF (2001 in poi). Angiosperme Phylogeny sito web. Versione 5, maggio 2004 [e più o meno aggiornato continuamente dal sito http://www.mobot.org/MOBOT/research/APweb/.
  • Stevinson C, Pittler MH, Ernst E. (2000), “Aglio per il trattamento dell’ipercolesterolemia. Una meta-analisi di studi clinici randomizzati “Annals Internal Medicine, 133 (6):. 420-429
  • Superko HR, Krauss RM. (2000) “aglio in polvere, effetto sui lipidi plasmatici, lipemia postprandiale, a bassa densità dimensione delle particelle lipoproteine, ad alta densità di distribuzione delle lipoproteine ​​sottoclasse e lipoproteina (a).” J Am Coll Cardiol, 35: 321.
  • Yeh YY, Yeh SM, (1994) “L’aglio riduce i lipidi plasmatici, inibendo il colesterolo e la sintesi epatica di trigliceridi.” Lipidi, 29 (3) :189-93
  • Sucur, M. (1980) Diabetol croato 9: 323-338.
  • Tang JL, Armitage JM, Lancaster T et al. (1998) «revisione sistematica di studi di intervento dietetico per abbassare il colesterolo totale nel sangue nei soggetti a vita libera”. BMJ; 316:
  • Teyssier, C. et al. (1999) Drug Metabolism e Disposizione 27: 835-41.
  • Warchafsky, S., et al. (1993) “Effetto di aglio sul colesterolo sierico totale.” Annals of Internal Medicine, 119:599-605.
  • Warshafsky S, Kamer RS, Sivak SL. (1993) “Effetto di aglio sul colesterolo sierico totale. Una meta-analisi “, Ann Intern Med, 119:. 599-605).
  • Gadkari JV, Joshi VD. (1991) “Effetto della ingestione di aglio crudo sul livello di colesterolo sierico, tempo di coagulazione e l’attività fibrinolitica nei soggetti normali.” J Postgrad Med; 37 (3) :128-31
  • Soh CT. (1960) “Gli effetti di sostanze alimentari senza conservanti naturali sullo sviluppo e la sopravvivenza delle uova di elminti intestinali e larve. II. Azione sulla Ancylostoma duodenale larve. “American journal of medicina tropicale e igiene, 9:8-10.
  • Tamaki, T.; Sonoki, S. (1999) Journal of Nutritional Science and vitaminologia 45: 213

Elenco in continuo aggiornamento.