Aglio, una pianta “diabolica”

Di origini incerte ed avvolta da mistero e tantissime leggende, l’aglio ha sempre mantenuto un fascino particolare. Nella tomba egizia di Tutankhamon sono stati rinvenuti diversi bulbi d’aglio, aventi il fine di allontanare gli spiriti maligni. Ma diverse credenze invece associano l’aglio con gli inferi, non a caso i cultori di yoga e i bramani si astengono nella vita dal mangiarne, così come Maometto non se ne cibava. Secondo una credenza indiana gli spiriti maligni ed i diavoli siano ghiotti di aglio. Invece nella Grecia Antica venivano depositate numerose teste d’aglio su mucchi di pietre, con lo scopo di placare Ecate, in grado di collegare i tre livelli del mondo: inferi, terra e cielo. Ecate era una divinità  in grado di viaggiare liberamente tra il mondo degli uomini, quello degli dei ed il regno dei Morti. Spesso è raffigurata con delle torce in mano, proprio per questa sua capacità di accompagnare anche i vivi nel regno dei morti (la Sibilla Cumana, a lei consacrata, traeva da Ecate la capacità di dare responsi provenienti, appunto, dagli spiriti o dagli Dei). Dea degli incantesimi e degli spettri, Ecate è raffigurata come triplice (giovane, adulta/madre e vecchia), ed il numero Tre la rappresenta; le sue statue venivano poste negli incroci (trivi), a protezione dei viandanti (Ecate Enodia o Ecate Trioditis). Invece nel mondo cristiano, secondo diverse leggende, quando Satana venne cacciato dal Paradiso, dalla sua impronta destra nacque la pianta della cipolla e dalla sua impronta sinistra nacque la pianta dell’aglio. Infine va ricordato che in diversi posti (Calabria, Sicilia, India,..ect.) un mazzo d’aglio tiene lontano dal malocchio!!

Sognare l’aglio che significa?? porta fortuna!!